i Viaggi di Monique

Viaggiatrice per passione, consulente di viaggio per lavoro. Un blog di Monica Sauna.
california-on-the-road quanto costa

CALIFORNIA ON THE ROAD, MA QUANTO COSTA?

La consueta domanda che mi viene fatta quando racconto del mio viaggio in California on the road è “Wow, ma quanto costa?”.

Dare una risposta precisa è difficile perché un viaggio del genere può essere davvero organizzato e vissuto in modi diversi, a seconda del proprio budget, ma di certo non è propriamente un viaggio low cost.

Innanzi tutto il mio itinerario in California on the road è stato un po’ particolare, dettato dal motivo principale che mi ha portata in California, ovvero un matrimonio a San Francisco con la famiglia e una super nonna (quella del mio compagno) di 85 anni in viaggio con noi (un fenomeno incredibile!).

Dopo una settimana a Frisco, siamo poi partiti, in due, per un on the road lungo le coste della California, tappa a Los Angeles, Grand Canyon, una sosta lungo la Route 66, per finire in bellezza con la sfavillante Las Vegas.

Ecco allora nel dettaglio le cose importanti da sapere per organizzare un on the road in California, e qualche indicazione su quanto può costare.

VOLO AEREO: ovviamente la voce che incide maggiormente sul viaggio è proprio il biglietto aereo, soprattutto perché in assenza di voli diretti è difficile trovare offerte e sconti su questa tratta. Io ho prenotato 6 mesi prima circa, e per il volo da Milano con uno scalo via Londra, ho speso 700€ andata e ritorno su San Francisco.

La tariffa del volo varia poi in base all’aeroporto, perché spesso in un on the road in California si atterra su San Francisco e si riparte da Los Angeles, Phoenix o altra località per esempio.

In ogni caso la tariffa si aggira sempre intorno ai 600 € circa. Delta Airlines, con scalo a New York, ha tariffe un pochino più care, così come Lufthansa via Monaco; Turkish Airlines propone invece quote più basse, ma con uno scalo via Istanbul che rende il viaggio davvero molto lungo ed è per questo che abbiamo preferito e optato per la British Airways.

AGGIORNAMENTO TARIFFE AEREE PER LA CALIFORNIA.

Ho scritto questo post nel 2015, ma ad oggi (giugno 2017) le cose sono decisamente cambiate in termini di tariffe aeree per gli Stati Uniti. E così è facile trovare offerte per voli a partire da 400€ per la California.

British Airways, in partner con Virgin Atlantic che decolla da Londra, oppure Swiss Air via Zurigo e Lufthansa, propongono tariffe davvero vantaggiose in alcuni periodi dell’anno (escludiamo agosto e dicembre dove le tariffe sono sempre più alte).

Per dire, i miei suoceri hanno appena prenotato per una partenza a novembre a € 480,0 a testa andata e ritorno con KLM, non male no?

NOLEGGIO AUTO: in un viaggio in California on the road ovviamente l’auto ha la sua grande importanza. La spesa varia dal tipo di auto che si sceglie di noleggiare, dalla durata del noleggio e soprattutto dalle eventuali tasse di drop charge, fate attenzione a questa voce!, che si pagano se si noleggia l’auto in un luogo e si restituisce in un’altra località.

Ottimo è il portale autoeurope, che mette a confronto le tariffe migliori per il noleggio, anche se a far da “padrone” negli Stati Uniti è il fornitore Alamo che ha spesso offerte e promozioni molto vantaggiose. Fate attenzione a verificare cosa include la tariffa, al numero di guidatori previsto, alla franchigia assicurativa e ad eventuali tasse extra.

Ricordate anche di munirvi della patente internazionale, facoltativa in California, ma obbligatoria in Arizona e Utah, è fondamentale se vi spingete nel visitare i parchi in questi stati.

california-on-the-road

california-on-the-road

california-on-the-road

DOVE DORMIRE IN CALIFORNIA: qui c’è davvero l’imbarazzo della scelta.

Da alberghi a hotel di lusso, motel, appartamenti, ostelli, insomma nel mio on the road in California ho trovato e provato davvero di tutto. Solitamente in un on the road si sceglie dove pernottare in loco, lungo la strada, ma in periodi di forte turismo come l’estate, è bene prenotare dall’Italia perlomeno nelle città principali e nei parchi, sempre affollatissimi.

San Francisco è carissima a livello di alberghi, molto più di New York secondo me, e la qualità non è così elevata. Se si opta per un semplice albergo centrale si può spendere dai 70/90 dollari a testa a notte, colazione esclusa (un enorme grazie ai miei cognati per averci ospitato per una settimana, il nostro conto in banca ringrazia vivamente). Attenzione poi alle tariffe alberghiere, perché a parte ci sono sempre le tasse da pagare al check out che possono incidere per il 10/14% a seconda della tipologia alberghiera.

Lungo la costa californiana, da San Francisco a Los Angeles e poi nelle vicinanze del Grand Canyon, ho optato per una sistemazione in Motel, una delle soluzioni più gettonate durante un on the road in California. Molti motel sono davvero decorosi, puliti e molto accoglienti (ovvio non tutti, quindi leggete molto bene le recensioni prima di prenotare). La cosa conveniente è che molti motel includono al soggiorno la colazione, a base di muffin, waffel, succo, te e caffè, per un totale di circa 20/25 dollari a persona a notte.

A Los Angeles ho preferito spendere un po’ di più e dormire in riva al mare, in un delizioso appartamento affacciato sull’oceano lungo Venice Beach, il “Venice beach Suites”. Un po’ caro, circa  90 dollari a testa a notte più le tasse, ma vi assicuro che fare colazione in terrazza vista mare mentre il sole sorge è davvero una bellissima emozione.

A Las Vegas potete scegliere tra un numero incredibile di alberghi, anche tra quelli davvero lussuosi che hanno tariffe non troppo elevate. Se capitate poi in settimana i prezzi delle camere sono ancora più bassi rispetto al weekend.

Un esempio? Io ho scelto il “The Linq” hotel, nuovissimo albergo aperto quest’anno, situato proprio lungo la Strip davanti al Caesar Palace; camera gigante king size, un soggiorno e un mega bagno (la doccia era grande come il mio bagno di casa per capirci) a 40 dollari a testa a notte (attenzione oltre alle tasse a Las Vegas è prevista la commissione di servizio che varia dai 5 ai 30 dollari a notte a seconda della classificazione alberghiera).

california-on-the-road

california-on-the-road

california-on-the-road

DOVE MANGIARE: questo è un po’ il tasto dolente del mio on the road in California.

Perché se a San Francisco regna lo street food davvero delizioso a Fisherman’s Wharf per esempio, nel resto del nostro on the road ci siamo accontentati di tipiche tavole calde, dei diners, dei fast food e di catene come “Cheesecake factory” dove mangiare hamburger o club sandwich a circa 10 dollari a piatto, più le mance.

A Los Angeles l’aver avuto l’appartamento è stata davvero buona cosa, un gran bel risparmio  e cibo sano per colazione e cena.

La soluzione è scovare un supermercato dove trovate di tutto. Ci sono i contenitori di plastica che potete riempire di frutta già tagliata (il mango e le fragole sono una bontà), oppure di insalata,  anche qui già pronta e ricca di sapori. Ovviamente io da gran golosa ho riempito la macchina di biscotti, cracker e caramelle, utilissimi per colmare la fame nei lunghi tragitti in auto.  E poi mi sono innamorata delle acque aromatizzate, bottigliette d’acqua lievemente gasata aromatizzate alla frutta (ok lo so non sono salutari), ma sono buonissime!!!

california-on-the-road

california-on-the-road-pismo

ASSICURAZIONE SANITARIA: questo è davvero importante nell’organizzazione di un viaggio in California on the road.

Mai partire per gli USA senza assicurazione.

In un paese dove la sanità è privata, anche un antibiotico per la febbre potrebbe costarvi davvero carissimo! Quindi il mio consiglio è quello di non partire sprovvisti di una copertura sanitaria totale. Le tariffe variano in base al numero dei giorni di permanenza e in base alla compagnia assicurativa scelta. Io ho speso circa 60 euro totali con la compagnia Allianz Assistance.

CARTA DI CREDITO: indispensabile negli Stati Uniti, anche per acquisti di pochi dollari. La carta di credito è fondamentale per il noleggio auto, per il deposito in albergo ed è sicura e comoda per i vostri acquisti. Attenzione però le carte prepagate spesso vengono rifiutate, così come quelle elettroniche, quindi chiedete bene in banca e optate per la più classica Visa o Mastercard.

BAGAGLIO: questa è una nota importante se, come me, dovete prendere dei voli aerei interni. In questo caso il solo bagaglio in stiva si dovrà pagare al costo di 20/25 dollari a collo (pagate direttamente in aeroporto in fase di check-in).

Spero di avervi fornito consigli pratici e utili per organizzare al meglio il viaggio in California on the road, ma come sempre io sono dell’idea che se ci si organizza in tempo e si pianifica il tutto con mesi di anticipo, si può davvero riuscire a contenere i costi realizzando così un grande sogno.

california_ontheroad_mycaliforniadreaming_iviaggidimonique

california_ontheroad_mycaliforniadreaming_iviaggidimonique

california-on-the-road-seligman

9 Discussions on
“CALIFORNIA ON THE ROAD, MA QUANTO COSTA?”
  • Un sacco di consigli utili, anche legati alle tue esperienze personali, bel post!
    Io ho fatto un bel on the road in California, Arizona e Nevada di 26 giorni ormai più di 4 anni fa, eravamo io e una mia amica, ci siamo organizzate tutto da sole e abbiamo speso 3600 euro a testa considerando tutto tutto (voli, tasse, macchina, benzina, assicurazione, alloggi, cibo, compere, souvenir, musei, proprio tutto, persino le cartoline). Secondo me non è andata malissimo, considerando che a una prima visita in agenzia di viaggio ci avevano chiesto 4400 solo per volo e auto -.-”’

    • Agnese wow anche tu un gran bel viaggio! In realtà lavorando in agenzia viaggi cerco sempre di proporre la soluzione meno cara, anche xchè i motel americani sono molto decorosi. Il mio vantaggio è stato essere ospiti dei miei cognati a San Francisco 1 settimana, un gran bel risparmio. Per ora mi sono limitate alla costa californiana e a qualche parco, ma tornerei immediatamente! Anche secondo me non hai speso molto, anzi ;) I modi per viaggiare low cost ci sono sempre…ed è un peccato che a volte molte agenzie non li propongano. Io mi baso sulla mia esperienza personale, e spero di dare consigli utili. Grazie per essere passata sul blog. Buon week-end.

      • So bene che ci sono agenzie di viaggio serie che si preoccupano realmente di come far risparmiare e al tempo stesso far vivere un’esperienza ricca ai clienti… probabilmente quell’agenzia che abbiamo contattato non era tra quelle :)
        Anche io comunque tornerei immediatamente, ho visto tanto ma mi sono persa troppe cose! Spero di riuscirci prima o poi!

        • Allora teniamoci in contatto così ci aggiorniamo su un eventuale ritorno tra California e parchi :) A dirla tutta mi auguro di visitare quanto più possibile degli Stati Uniti, sogno una vacanza in un ranch in Texas e poi l’Alabama e gli scenari del Sud Carolina eh eh Un abbraccio.

  • Questo sì che è un sogno da realizzare. Con il tuo itinerario dettagliato e tutte le informazioni fornite. .comincerò a farci un pensierino. ☺

    • Grazie Roberta gentilissima! Era un viaggio che sognavo da tempo, poi è arrivata un’occasione speciale ed inaspettata che mi ha portato in California, ed è stato puro amore. Quei tramonti , quel mare, ora ho una voglia incredibile di ritornare. Ti auguro di realizzare presto questo viaggio ;) Grazie per essere passata sul blog.

Leave A Comment

Your email address will not be published.