i Viaggi di Monique

Viaggiatrice per passione, consulente di viaggio per lavoro. Un blog di Monica Sauna.
cefalu-sicilia-itinerario-iviaggidimonique

Itinerario di viaggio in Sicilia, da Trapani a Cefalù

Ho ricordi lontani delle mie vacanze in Sicilia, ed è decisamente tempo di ritornare, magari organizzando un itinerario di viaggio da Trapani a Cefalù lungo la costa occidentale.

Anche perchè non ho scuse.

Proprio dietro casa mia, a circa sei chilometri, si trova l’aeroporto di Cuneo da dove partono voli low cost diretti proprio per Trapani.

Insomma cara Sicilia io da te prima o poi devo tornare.

Quest’estate in tanti hanno scelto come meta per le vacanze proprio le sue coste più belle, e questo è l’itinerario di viaggio che hanno fatto alcuni amici.

Un tour in auto in Sicilia da Trapani a Cefalù.

La prima cosa da fare, per organizzare al meglio questo tipo di viaggi on the road, è informarsi per il noleggio auto così da avere un’idea di base di spesa.

Io solitamente quando organizzo un viaggio, ho l’abitudine di comparare i prezzi, sia quando devo prenotare voli, alberghi e auto.

Mi affido a siti che comparano le tariffe in modo da scovare quella più vantaggiosa.

Ho scoperto EasyTerra Autonoleggio, utilissimo per il noleggio auto anche in Sicilia. Sul portale ho trovato infatti i prezzi dei principali fornitori di noleggio come Hertz e Avis, tanto per citarne alcuni.

Noleggiata l’auto, ecco che è bene studiare un piccolo itinerario di viaggio in Sicilia, da Trapani a Cefalù; anche se poi io consiglio sempre di partire un po’ all’ avventura e di scegliere dove pernottare anche in base a ciò che vi sta intorno e più vi piace.

Itinerario in Sicilia in auto da Trapani a Cefalù:

Giorno uno: Trapani. Al vostro arrivo concedetevi del tempo per visitare la città. Lo so avrete voglia di andare subito al mare, o meglio quella sono io che scalpito per mettere subito i piedi nell’acqua.

Prima di farlo, andate in giro a curiosate tra le Chiese del centro storico e la Cattedrale di S. Lorenzo. Passeggiate in Via Garibaldi, tra palazzi d’epoca e Corso Vittorio Emanuele, frizzante luogo di ritrovo soprattutto serale.

trapani-itinerario-sicilia-iviaggidimonique

Giorno due: Erice e Valderice, a due passi da Trapani, questa è sicuramente la prima tappa da inserire in un itinerario di viaggio in Sicilia lungo la costa occidentale.

Prima di raggiungere Erice, borgo medievale arroccato sulla collina, fermatevi a Valderice magari per pranzo e visitate l’antica tonnara di Bonagia, e poi proseguite per il vostro itinerario. Potete raggiungere Erice in funivia, al tramonto è spettacolare la vista che avrete davanti agli occhi.

Concedetevi del tempo per passeggiare tra le sue strette vie, tra i negozi di ceramiche ed i profumi e sapori del luogo.  Anche a Erice non potrete fare a meno di gustare le golosità siciliane, tra dolci a base di ricotta e le rinomate “genovesi”, dolci a base di pastafrolla farciti di crema (che mi dicono essere una bomba golosissima).

Potete decidere di ritornare a Trapani per la notte, oppure fermarvi a dormire in un bed and breakfast o agriturismo della zona; verificate con anticipo perché nei mesi di altissima stagione a volte non è così semplice trovare una sistemazione in zona senza prenotazione.

erice-sicilia-iviaggdimonique

Giorno tre e quattro: proseguite il vostro viaggio da Trapani a San Vito Lo Capo, che raggiungerete in auto in circa 50 minuti (meno se avrete pernottato nella zona di Erice).

Io consiglio di andare a San Vito Lo Capo anche in bassa stagione, ovvero anche se è autunno inoltrato e non potete fare il bagno.

Lo so troverete la cittadina decisamente “desolata” e vuota, ma io amo il mare d’inverno, così silenzioso. Ovviamente se le vostre vacanze in Sicilia sono in estate, beh allora San Vito Lo Capo è indubbiamente una tappa in cui fermarsi per almeno tre o quattro giorni, per crogiolarvi al sole ed assaggiare il piatto locale, il cous cous (la mia amica Claudia è andata proprio a settembre in occasione del “Cous Cous festival”!).

Avendo noleggiato l’auto da qui potete raggiungere la Riserva dello Zingaro. Oltre sei chilometri di costa che racchiude insenature, piccole baie e grotte, puro spettacolo (anche se molto affollato).

In estate potete fare immersioni a Scopello, nuotare a Castellamare e godere appieno di sole e mare.

riserva-zingaro-sicilia-iviaggidimonique

Giorno cinque e sei: da San Vito Lo Capo si raggiunge Cefalù in circa due ore e mezza di auto, a meno che non decidiate di fare uno stop per visitare la città di Palermo, cosa che consiglio assolutamente.

Di Cefalù ho ricordi ormai sfuocati e molto lontani.

Quello che so di lei sono i racconti di mia mamma e dai suoi occhi riesco a percepire quanto questo luogo le sia caro e quanta sia la voglia di ritornare.

Ecco perché a chi mi chiede un itinerario in Sicilia nei dintorni di Trapani, io consiglio di spingersi sino a qui.

Cefalù è pittoresca ed elegante, con le sue viuzze medievali, ricca di arte e cultura ed ormai meta piuttosto mondana e iper turistica.

Affollata in estate, e a tratti fin troppo chiassosa, ma bellissima e genuina nelle mezze stagioni, quando i turisti sono pochi e la città fa sfoggio di sé e della sua natura più vera.

Lo sapete che al “Teatro Comunale” di Cefalù hanno girato alcune scene di “Nuovo cinema paradiso”?

Tra le tante cose da vedere il Lavatoio Medievale, che risale al 1500; il Duomo e l’”Osterio Magno”, ovvero il palazzo fortificato della città. Non voglio però elencarvi tutte le bellezze di Cefalù in uno sterile elenco, quello che posso fare è consigliarvi di scattare un’istantanea alle vecchie casette del borgo dal porticciolo dei pescatori.

Addentratevi tra le vie di Cefalù, anche le meno turistiche della cittadina; “arrampicatevi” sino al Tempio di Diana, alzate gli occhi per ammirare i decori degli antichi palazzi; scegliete un ristorante con vista sul mare dove abbuffarvi di pesce, gironzolate per Corso Ruggero e poi attendete il tramonto in riva al mare.

Se volete visitare con lentezza questi luoghi, concedetevi almeno un paio di giorni a Cefalù.

Poi potrete ritornare a Trapani per il vostro rientro a casa, con la pancia decisamente più piena e gli occhi innamorati.

Ora Sicilia cara, anche solo a raccontare di te grazie alle vacanze di amici, mi hai fatto voglia di venire a rivederti il prima possibile.

cefalu-sicilia-itinerario-iviaggidimonique

cefalu-sicilia-itinerario-iviaggidimonique

cefalu-itinerario-sicilia-iviaggidimonique

trapani-itinerario-auto-sicilia

sicilia-itinerario-auto-iviaggidimonique

2 Discussions on
“Itinerario di viaggio in Sicilia, da Trapani a Cefalù”
  • Capitata qui per caso , rimasta a leggere per curiosità 🙂 Sono sicula (palermitana DOC) e , lo ammetto , volevo prenderti in castagna perché spesso chi scrive di viaggi , specie se lavora nel settore , raramente mette il naso fuori dalla propria agenzia per testare con mano ciò che consiglia…ma tu mi hai commossa, amo visceralmente la mia terra e da ciò che scrivi traspare anche in te lo stesso forte sentimento; certo, non hai recensito la mia città …magari non la conosci ancora , ma sono sicura che se lo facessi, assaggiandola, o lasciandoti abbagliare dalla sua luce, accecante anche in pieno inverno, o rapire dalle numerose dominazioni che hanno lasciato per migliaia di anni segni tangibili nella storia e nell’architettura , credo useresti lo stesso sguardo curioso e appassionato con cui ti approcci al lavoro che sono certa ami immensamente 😉 la Sicilia tutta ti aspetta a braccia aperte 🙂

    • Ohhh Ambra tu mi hai commosso veramente! Che belle queste tue parole, davvero. Sono stata in Sicilia tanti anni fa e ancora ricordo lo sguardo felice dei miei genitori e il profumo degli arancini appena fatti. Il sole caldo, caldissimo e lo sguardo lontano di mio padre che ha origini siciliane.
      Non conosco Palermo, ma spero di poter tornare e visitare quanto di più bello la tua terra offre.
      Spesso volo lontano, dimenticando quanta magia racchiuda la nostra Italia.
      Grazie di cuore Ambra, vorrei che a volte si smettesse di dire vado in vacanza in Sicilia, ma si cominciasse a dire “vado a conoscere la Sicilia” che a mio avviso è cosa ben diversa. Un abbraccio gigantissimo!!!

Leave A Comment

Your email address will not be published.