i Viaggi di Monique

Viaggiatrice per passione, consulente di viaggio per lavoro. Un blog di Monica Sauna.
Notting HIll itinerario Londra

Londra, itinerario da Notting Hill ad Hyde Park a piedi

Un itinerario a piedi a Londra da Notting Hill ad Hyde Park.

I miei weekend a Londra, sin ora tre, sono sempre stati un po’ toccata e fuga lo ammetto.

Ma tornare a Notting Hill (per la seconda volta) è stato come riscoprirla ancora più bella con le sue casette e le sue porticine colorate.

Il cinquante per cento delle fotografie scattate in questo weekend a Londra le ho fatte praticamente tutte a Notting hill, quartiere che amo, dove suggerisco di gironzolare a piedi per un po’.

Primo consiglio, nel weekend arrivate prestissimo, quando ancora i negozi stanno allestendo le bancarelle del Portobello Market, così potrete curiosare senza troppo caos intorno.

Iniziate l’itinerario a piedi da Notting Hill ad Hyde Park scendendo alla fermata della metropolitana Notting Hill Gate.

Ci arrivate con la metro gialla, la Circle Line, la metro verde District line oppure con la linea rossa.

Da Notting Hill Gate dirigetevi verso Portobello Road, in teoria ci mettete circa dieci minuti a piedi, in pratica se siete come me vi fermerete a scattare fotografie alle casette bianche, agli alberi in fiore, ai portoni colorati; saluterete con un “Hi dog!” un cucciolo di labrador che cerca le coccole tra le sbarre di un cancello di casa, e continuerete a guardarvi intorno esclamando uno “wow” dietro l’altro.

Imboccando Porbello Road, regno del Portobello Market, vi consiglio di sbirciare nel negozio di “Beatrice von Tresckow”, è quello con la vetrina e i muri dipinti di azzurro e con un sacco di cose carine tra cappelli e vestiti.

Notting HIll itinerario Londra

Da qui inizia una stradina zeppa di casette colorate dal rosa al viola all’azzurro, dove sfido a non fotografare ogni porta e giardino.

Le casette di Portobello Road e Notting Hill meritano una menzione d’onore! Perchè non so a voi, ma mi rendono proprio felice.

Sono arrivata qui di sabato intorno alle 9.30, piuttosto presto, ma in orario perfetto per godere di tranquillità e pochi turistici, così da curiosare tra bancarelle di tazzine a fiori, lenti di ingrandimento e libri antichi (ho scovato un’edizione di “Alice nel Paese delle Meraviglie” di Carroll del 1932).

Tra mappamondi, gioielli, piatti e bicchieri di ogni tipo, il Portobello Market è luogo ormai noto a tutti e per questo molto caotico proprio per il suo mercato che si tiene il sabato.

Sicuramente non si fanno grandi affari nel senso che le cose non sono propriamente a buon mercato, ma tra negozi di souvenir e bancarelle sono rimasta più di un’ora a curiosare.

Alice’s Antiques è la bottega dai muri color rosso, uno dei simboli del Portobello Market così come “Chloe Alberry”, dove non puoi non entrare a curiosare, anche se non è la prima volta.

Se non riuscite ad arrivare presto la mattina del sabato, ma siete a Londra non solo per il weekend allora vi consiglio di venirci in un altro giorno così da non trovarvi in un vero chiasso caotico.

Notting HIll itinerario Londra

Notting HIll itinerario Londra

Notting HIll itinerario Londra

Notting HIll itinerario Londra

Dal Portobello Market potete gironzolare tra il quartiere di Notting Hill, tra le sue case ed i giardini proseguendo per Ladbroke Grove e poi fino a Landsdowne Crescent dove trovate la Chiesa di St. John.

Questa passeggiata a piedi dovrebbe portarvi via quindici minuti, si come no, ma tra fermarvi davanti ad ogni casetta, portone, giardino e albero in fiore qui ho camminato per quasi un’ora.

Non avere fretta a volte è il segreto per scovare angolini deliziosi.

Come piccoli giardini semi-nascosti tra le bianche casette di questa zona, o le finestre, giganti e piene di luce che mi fanno venire voglia di vedere cosa si nasconde dentro casa.

Che io già mi immagino seduta su una poltroncina british style, con tazza di tè fumante e gattone ciccione sulle gambe a guardare fuori dalla finestra (perchè in fondo sono vecchia dentro eh eh ).

E al 280 Westbourne Park Road indovinate cosa si trova?

Eh si la famosa porta blu simbolo dell’omonimo film con Hugh Grant e Julia Roberts che hanno reso celebre il quartiere di Notting Hill anche a chi non ne aveva mai sentito parlare.

Se invece cercate i giardini che compaiono nel film, beh sono privati e l’accesso è riservato solo ai residenti, così come i Ladbroke Square Garden, anche questi giardini “condominiali” privati.

Notting HIll itinerario Londra

Notting HIll itinerario Londra

Notting HIll itinerario Londra

Notting HIll itinerario Londra

Notting Hill Londra itinerario a piedi

Da Notting Hill potete proseguire il vostro itinerario a piedi a Londra passeggiando verso i Kensington Garden, vero e proprio proseguimento di uno dei parchi più grandi e noti della città, Hyde Park.

Se avete fame ed è ora di pranzo, fate un salto al famoso “Churchill Arm” un pub letteralmente ricoperto di fiori situato al 119 Kensington Church St (lo raggiungete in circa quindici minuti da Ladbroke Grove).

Il locale è storico e sicuramente molto carattestico per via dei tanti fiori all’esterno, ma la particolarità è che nel menù troverete soprattutto cibo thailandese a buon prezzo in un’atmosfera da secret garden.

Da qui siete a due passi da Kensington Garden, un parco che in primavera è davvero una delizia.

Cosa vedere in Kensington Garden?

Sicuramente merita una visita il Kensington Palace, residenza reale aperta tutto l’anno, decisamente più piccola di Buckingham Palace, ma a mio avviso più accogliente e meno austera.

In realtà i giardini sono anche famosi per la statua di Peter Pan eretta nel 1912 nel cuore dei Kensington Garden, una delle tappe forse più gettonate (vedrete la folla in coda per scattare una fotografia), ma non di certo l’unica importante.

Proseguendo verso Hyde Park, che confina con i Kensington Garden proprio a ridosso della Serpentine, il corso d’acqua che si può percorrere soprattutto in estate in pedalò o con una barca a remi, si può visitare l’Albert Memorial e il più recente Memorial alla Principessa Diana.

Tra scoiattoli golosi, che non disdegnano un pezzo di biscotto dalle mie mani il tempo passerà in fretta e questo itinerario da Notting Hill a Hyde Park vi porterà via gran parte della giornata, ma ne varrà la pena.

Tra alberi in fiore in questo inizio primavera, e sotto un cielo azzurro, ho visto Londra per la prima volta sotto una luce diversa grazie al sole.

Il verde dei gardini sembra brillare, così come le casette bianche di Notting Hill sembrano risplendere sotto il sole.

Io sono quella che prima di partire costruisce un itinerario ricco di cose da fare e vedere, ma poi una volta arrivata il mood “take your time” mi sorprende.

E fa niente se molte cose non sono riuscita a vederle o rivederle, a volte assaporare una città tra i suoi giardini con lentezza è davvero piacevole.

Hyde Park è un parco gigante quindi vi consiglio di attraversarlo in direzione della vostra successiva destinazione, valutando se andare a nord o sud; potete continuare l’itinerario a piedi, o se preferite noleggiare una bicicletta e muovervi seguendo le indicazioni interne al parco sui percorsi ciclabili.

Se vi avanza tempo, e siete ovviamente stanchi di camminare (per dire, a casa sono una pigrona e poi in viaggio la media è di 16 chilometri a piedi al giorno), saltate sulla metropolitana e andate a godervi il tramonto lungo il Tamigi tra la London Eye o il Tower Bridge.

Cara Londra sei sempre una piacevole riscoperta.

Notting HIll itinerario Londra

Notting HIll itinerario Londra

Notting HIll itinerario Londra

Notting HIll itinerario Londra

Leave A Comment

Your email address will not be published.