i Viaggi di Monique

Viaggiatrice per passione, consulente di viaggio per lavoro. Un blog di Monica Sauna.
Itinerario in Florida da Miami a Orlando-KeyWest

Visitare Miami e Miami Beach in 4 giorni

Visitare Miami e Miami Beach in 4 giorni.

Già perchè è bene sottolineare, anche se scontato, quanto sono diverse le due realtà: Miami e Miami Beach appunto.

Spesso infatti c’è chi mi chiede consigli e suggerimenti su cosa fare e vedere a Miami, salvo poi essere interessato solo alle spiagge di Miami Beach e al dolce far nulla (che non c’è niente male, ci mancherebbe).

In questo post voglio invece portarvi alla scoperta di entrambe, con una mini guida di cosa fare e vedere a Miami e Miami Beach in quattro giorni.

 

Innanzi tutto quando andare a Miami?

In teoria Miami è visitabile tutto l’anno.

Ma tutto dipende da ciò che uno vuole fare. E visto che sono mare e spiagge i protagonisti del viaggio, direi che il periodo agosto-ottobre è da evitare per via di piogge ed uragani (avete presente Irma? Beh direi che come uragano quest’anno ha dato il suo filo da torcere alla città).

 

Cosa vedere a Miami in due giorni:

Miami Beach fu collegata con il primo ponte alla terraferma nel lontano 1912, ed ora ne vanta in totale cinque di ponti che separano la Biscayne Bay dalla turistica aerea di Miami Beach lunga oltre 20 chilometri.

Per visitare Miami consiglio il noleggio di un auto, anche se con il Metromover, un bus a rotaia, potete fare il giro turistico del centro città di Miami, inoltre nell’area metropolitana potete muoversi con il bus o i treni Metrorail (ma sicuramente a Miami Beach l’auto diventerà indispensabile).

BAYFRONT

E’ bene iniziare la visita della città di Miami dall’aerea di Biscayne Boulevard, la principale via cittadina che corre lungo la costa dove si trova il One Biscayne Tower ed il Bayfront Park.

Cafè, negozi e ristoranti delimitano l’area di Miamarina, l’enorme porto reso celebre dalla serie tv ormai vintage Miami Vice.

Nel porto tra l’altro è ormeggiata la ricostruzione della nave utilizzata nel film “L’ammunitamento del Bounty”.

Da Biscayne Bay partono anche dei tour in barca alla scoperta delle ville delle star che sorgono di fronte a Miami beach.

DOWNTOWN MIAMI

Lungo Downtown, nel punto più a sud di Biscayne Bay, si trovano alcuni degli edifici più noti della città di Miami: l’Historical Museum of Southern Florida, il Federal Building e la Centrust Bank Tower tanto per citarne alcuni.

Caotica e chiassosa, personalmente consiglio di andare oltre all’aera di Downtown e di non dedicarle troppo tempo.

LITTLE HAVANA

Un mix di tradizioni, cultura, colori, hanno reso Miami una realtà davvero multietnica.

Ed è soprattutto grazie alla presenza di cubani che Miami appare una città cosmopolita.

Abitato da numerosi profughi cubani, questo quartiere spicca per i suoi colori, i mercati affollati e gli edifici variopinti. Si rivive la Old Cuba attraverso soprattutto i profumi e la cucina tipica.

Lungo la via principale Calle Ocho si trova anche una sorta di Walk of Fame, con la celebrazione delle star latine più famose, come Julio Eglesias (famosissimo a Miami!).

LITTLE HAITI

Un altro quartiere simbolo della città di Miami è Little Haiti, quartiere che racchiude circa un terzo degli oltre duecentomila haitiani che vivino nella regione di Miami.

Il centro è rappresentato dal mercato pittoresto il Caribbean Market Place.

VIRGINIA KEY e KEY BISCAYNE

All’altezza del ponte che collega alla terraferma, si trova il Miami’s Stadium e il National Oceanic & Atmosphere Administration, centro meteorologico che monitora constantemente la situazione uragani in tutta l’area caraibica.

L’isola di Key Biscayne invece è nota per i suoi impianti sportivi come l’International Tennis Center  e per la spiaggia di Crandon Park.

SOUTH MIAMI

South Miami, (da non confondere con South Beach), a sud di Coral Gables, accoglie il Parrot Jungle, un parco dove ammirare esemplari della fauna tropicale tra pappagalli, fenicotteri, marabù e cacatua.

COCONUT GROVE

Sempre andando verso sud, rimanendo a Miami, si arriva a Coconut Grove, zona una volta hippy, ed ora più intelletuale e chic.

Edifici colorati, ville lussuose ed hotel da sogno. Qui si può visitare Villa Vizcaya, la dimora più famosa costruita nel 1912 in stile rinascimentale italiano ed immersa in un grandissimo giardino.

CORAL GABLES

A ovest di Coconut Grove si estende invece Coral Gables, un’area residenziale ricca di ville e campi da golf.

Diciamo l’emblea della Miami più glamour e chic.

Le vie principali da visitare sono Coral Way e Miracle Mile, arterie ricche di boutique e ristoranti decisamente cari.

Tra le cose da vedere in questo quartiere di Miami il Biltmore Hotel, dove soggiornarono, tra gli altri, l’attrice Judy Garland e Al Capone.

miami-cosa-vedere-4-giorni

miami-cosa-fare-visitare-3-giorni

Per visitare al meglio la città di Miami servono almeno due giorni, e mi rendo conto che con una vacanza di soli 4 giorni a Miami, il tempo per godere di sole e mare diventa poco.

Sarebbe ideale avere più tempo a disposizione per un viaggio lungo le zone più belle della Florida in un itinerario da Miami a Orlando, inclusa una tappa a Key West.

Con pochi giorni a disposizione però è bene definire un itinerario di viaggio tra Miami, dove rimanere almeno 1 notte, e Miami Beach dove fermarsi almeno 3 notti.

 

Cosa vedere a Miami Beach in tre giorni.

A Miami Beach si va per il mare.

A Miami Beach si va per i club, la movida notturna.

A Miami Beach va per il relax e per curiosare nei quartieri più famosi quali South Beach e Ocean Drive.

SOUTH BEACH MIAMI BEACH

South Beach è forse l’area più turistica, quella dove consiglio personalmente di trovare sistemazione in albergo o appartamento.

South Beach è posta sotto tutela per permettere la conservazione dei suoi quartieri e degli edifici che ne fanno parte.

L’edificio più importante di South Beach è la Fondazione Wolfsonian, un piccolo museo creato da Mr. Wolfson, che di recente ha fondato anche a Genova una galleria d’arte moderna, la Wolfsoniana appunto.

ART DECO DISTRICT

Se si pensa a Miami Beach la prima immagine che viene in mente, oltre alle sue spiagge, è sicuramente l’iconico quartiere dell’Art Déco District, dichiarato monumento storico nazionale nel 1979.

Il quartiere si estende tra la 5 Street a sud e Dade Boulevard a nord e tra Ocean Drive/Collins Avenue a est e Lenox Avenue a ovest.

Cosa vedere nel quartiere Art Deco District a Miami beach?

Beh, sicuramente i suoi storici palazzi.

Circa ottocento edifici costruiti dagli anni 20 agli anni 60.

Edifici quasi tutti a tre piani e riportati al loro antico splendore con colori pastello che spiccano sotto il sole di Miami Beach.

Alcuni edifici riprendono i motivi tipici della Florida, come i fenicotteri o i raggi del sole.

OCEN DRIVE

Famosa ed imperdibile, Ocean Drive è il cuore pulsante di Miami beach.

La strada costeggia per un tratto la spiaggia di sabbia sull’oceano dove si affacciano edifici anni 30, tra il più famoso il Colony Hotel con la sua insegna al neon che l’ha reso così tipico.

Anche il Candozo è uno degli edifici simbolo di Ocean Drive.

Il Beacon, realizzo nel 1936, riporta fenicotteri sulle porte a vetri, netre il Cavalier ha vetrate immense per catturare la luce, mentre l’Imperial cattura l’attenzione con le originali aperture a forma di oblò.

A nord di Ocean Drive dovete proseguire lungo Collins Avenue, dove trovate altri edifici iconici dell’epoca.

Come il Delano (dove tra l’altro ogni tanto ci sono delle promozioni ed offerte interessanti per dormire), il National e il Ritz Plaza.

 

Itinerario in Florida da Miami a Orlando

Itinerario in Florida da Miami a Orlando

miami-beach-visitare-3-giorni

Cosa vedere a Miami Beach in tre giorni?

Oltre ai quartieri che vi ho citato, ed ovviamente al dolce far niente lungo le sue spiagge, a Miami beach potete girovagare lungo Washington Avenue, la principale via commerciale della città dove si trova il George Washington Hotel, uno dei primi alberghi realizzati a Miami beach.

Lincon Road Street è ora la via più gettonata dove sono sorte gallerie, scuole d’arte e bellissimi caffè, come il Café Van Dyck e il Colony Theater, altro emblema dell’art deco.

Da non perdere anche il Lincon Theater che ospita la sede della New World Symphony Orchestra.

Quali sono le spiagge più belle a Miami beach?

Sicuramente quelle che trovate lungo South beach, dove trovare spiagge libere o spiagge attrezzata a pagamento.

Un pochino meno caotica Virginia Key, sempre a pagamento.

Ideale per avvistamenti vip, dicono, Lummus beach nel cuore di Ocean Drive.

Il punto più a sud è invece il South Pointe Park, attrezzato con una spiaggia ed un’area per pic-nic.

Qui si trova anche il Penrod’s beach club, locale notturno molto trendy e molto frequentato.

Con tre giorni a disposizione consiglio di fare un salto anche più a nord di Miami beach, dove il panorama cambia e al posto di ville e hotel da sogno, trovate motel, alcuni un po’ datati sullo stile del programma tv “hotel da incubo Usa” per intenderci, fast food e spiagge libere molto meno affollate.

Una Miami meno glamour se vogliamo, ma non per questo da snobbare.

Se avete altre chicche su Miami fatemi sapere, i miei ricordi del viaggio in Florida sono ormai sfuocati e lontani.

Ci sono stata in occasione del Capodanno del 2000, figurarsi.

Se tornerò a Miami?

In realtà sono combattuta, perchè vorrei avere più tempo a disposizione per visitare i dintorni, anche se ammetto che una toccata e fuga di 4 giorni tra sole e mare a Miami beach non sarebbe affatto male.

miami-beach-cosa-vedere-3-giorni

miami-art-deco-south-visitare-3-giorni

miami-south-beach-visitare-3-giorni

miami-cosa-vedere-4-giorni-mare-città

 

 

Leave A Comment

Your email address will not be published.