Menu
Pensieri Sparsi

Quando il Viaggio diventa Nostalgia

quando-il-viaggio-diventa-nostalgia

Non so se è colpa della primavera, dell’allergia al polline, degli ormoni un po’ in subbuglio con il cambio di stagione (come il mio armadio per intenderci che sta per straripare dal caos), ma io in questo periodo ho lo stomaco aggrovigliato, i pensieri incasinati ed un tasso di nostalgia alle stelle.

Vi è mai successo che un viaggio, quel Viaggio tanto atteso,

una volta concluso vi provochi una nostalgia mondiale?

Una di quelle tipo “ecco e adesso che faccio? io lo sognavo da una vita questo viaggio e ora?”.

Il guaio è questo.

Io sono una che si affeziona, e anche parecchio.

Non solo alle persone, quello è un altro discorso, io mi affeziono proprio alle cose, alle situazioni, alle emozioni.

Che pianti ho fatto quando mi hanno obbligato a disfarmi della mia prima bicicletta rosa (che tengo ancora rigorosamente in garage da mia madre), per non parlare dello zaino di scuola, ai tempi me lo sarei portato con me fin su Marte anche se sgualcito e decisamente mal ridotto (praticamente sono come Linus con la sua inseparabile coperta).

Io mi affeziono così anche a luoghi ed emozioni.

Cioè non sono proprio capace di dire “ok viaggio fatto, luogo visto ora avanti un altro” (non ho la leggerezza di Bonolis nel suo gioco a quiz per intenderci).

Io ci metto settimane, e questa volta mesi, a togliermi di dosso quelle emozioni così intense provate in viaggio e a cercarne di nuove progettando una nuova partenza.

E in questo periodo, complice una primavera che mi mette sempre un po’ d’ansia, non tanto per la prova costume ormai un miraggio, non riesco a progettare un nuovo viaggio, a pensare ad una nuova meta, o meglio a pensare ad un luogo economicamente raggiungibile (altrimenti ne ho di grandi traveldreams) perchè in testa ho solo i ricordi così vivi della California.

Che lo so che è solo la California, cioè non è mica un viaggione intorno al mondo quello che ho fatto, ma questa volta mi sento più nostalgica che mai.

Ho nostalgia di quei tramonti, di quel mare, delle lunghe spiagge, delle strade a tratti deserte, e di quel cielo!

Perchè tutti mi hanno parlato del cielo Americano, e io li per li non ci davo peso, voglio dire cosa può avere di diverso il cielo laggiù?

E invece è proprio quel cielo immenso, sterminato, quel blu così acceso che mi manca.

E mi mancano le emozioni che ho provato, quella sensazione di libertà e di leggerezza

che qui spesso fatico a trovare.

viaggio

california7_ontheroad_mycaliforniadreaming_iviaggidimonique

venice beach

sunset1

sunset

Ed ora viene il difficile, perchè per la prima volta non so bene dove andare.

Cioè ci sono una miriade di posti che vorrei vedere, ma se mi fermo a pensare non so davvero verso quale destinazione orientarmi perchè a volte è più facile voler rivivere luoghi che mi hanno lasciata senza fiato, anzichè sperimentare.

Ho in testa il Messico, Puerto Rico ai Caraibi o la Florida, ma la mia mente è confusa e sono presa da una nostalgia verso la California che è quasi assurda.

Cioè lo so che non ha senso questo attaccamento, il bello dei viaggi è andare e scoprire posti nuovi, ma cribbio non faccio altro che guardare i voli per Los Angeles e cercare appartamenti a San Diego (che non ho avuto modo di visitare).

Ok forse è meglio se smetto di farneticare, ma il succo è questo, capita anche a voi di voler ripartire per rivivere luoghi e sensazioni già viste?

O siete di quelli che appena trovate un volo conveniente in un luogo mai visto, cliccate e partite? Ecco mi date una scossa così lo faccio pure io?

Che poi l’ho sempre fatto, ma questa volta la voglia di ritornare è più forte che quella di scoprire.

La California crea dipendenza, sapevatelo!

Forse la soluzione è solo una:

“Tra vent’anni sarete più delusi per le cose che non avete fatto che per quelle che avete fatto. Quindi mollate le cime. Allontanatevi dal porto sicuro. Prendete con le vostre vele i venti. Esplorate. Sognate. Scoprite.” – Mark Twain –

time_to_travel

travel

wanderlust

10 Comments

  • Elisa | conlavaligiaverde.com
    14 Aprile 2016 at 20:21

    Aaaaaaah quanto ti capisco!

    Ti svelo una cosa: non è solo la California a creare dipendenza, sai? Ma tutto l’ovest americano, lo Utah e soprattutto l’Arizona.

    Mi ritrovo in ogni parola che hai scritto: ho ben presente la nostalgia di un territorio, il non sapere dove andare adesso. Ho fatto e prenotato altri viaggi, ma senza l’intensità di come ho aspettato e amato il viaggio dello scorso anno. Ora, un minimo mi sto riprendendo, ma, quando penso ai ricordi dell’anno scorso, ho ancora il magone.

    Un bacio cara!

    Reply
    • I Viaggi di Monique
      15 Aprile 2016 at 8:53

      Grazie Elisa! E’ bello sapere che questi luoghi non hanno fulminato solo me 😉 In realtà io mi affeziono sempre troppo a volte, o forse è solo paura di lasciare gli ormeggi e partire anche per luoghi che non conosco. Fatto sta che, giuro, mi sono ritrovata a guardare i prezzi delle case in affitto a Santa Monica più di una volta. Per la prima volta ho davvero desiderato vivere li, almeno per un po’…Ora sogno un nuovo grande viaggio, chissà se si avvererà prima o poi. Diciamo che gli Usa sono belli, ma come dici tu per quanto vuoi che siano low cost in realtà poi sono un salasso. Grazie per essere passata sul blog cara, un abbraccio a te e buoni nuovi viaggi!

      Reply
      • Elisa | conlavaligiaverde.com
        15 Aprile 2016 at 23:32

        Ti racconto anche questa: per qualche settimana dopo il mio ritorno, mi son messa seriamente a cercare lavoro a Carmel e Santa Monica 😀
        Ti comprendo benissimo: è stato l’unico posto in cui mi sarei fermata a vivere.

        Buoni viaggi a te 🙂

        Reply
        • I Viaggi di Monique
          17 Aprile 2016 at 10:02

          Ma dai a Carmel, come ti capisco l’ho adorata! Vedi dobbiamo “fuggire” a Santa Monica prima o poi! Mai dire mai nella vita,tutto può succedere. Baci baci, grazie.

          Reply
  • Lucrezia & Stefano - In World's Shoes
    17 Aprile 2016 at 18:07

    Porca miseria, dici California, mica Terni – senza voler offendere gli abitanti di quest’ultima ovviamente – ma è più che comprensibile questa tua nostalgia incredibile! Io l’ho avuta e la sento ancora per tanti luoghi, una forte nostalgia che mi spinge a guardare continuamente foto, cercare voli e ripercorrere con la mente le strade, cercare di sentire – chiudendo gli occhi – di nuovo addosso quei raggi timidi di un autunno o l’afa della stagione calda.
    Mi mancano tanto soprattutto New York e Londra.. sono le due città di cui sento nostalgia davvero.
    Detto questo sì, continuo a viaggiare. Ma posso rivelarti un segreto? Dopo New York nessun viaggio mi ha più emozionato così tanto come quando ero lì. Forse solo l’ultimo fatto, ovvero ad Edimburgo. Forse sto iniziando a riprendermi adesso dopo più di un anno e mezzo! 🙂

    Reply
    • I Viaggi di Monique
      18 Aprile 2016 at 8:56

      Bello sapere di non essere l’unica così malinconica quando si parla di viaggi 😉 Ti capisco, New York e Londra entrano nel cuore, ma a volte più che un luogo si ricercano proprio le emozioni provate in viaggio. Beh se ti stai riprendendo ora dopo un anno e mezzo mi manca ancora un po’ eh eh Ti dico solo che ieri guardavo i voli per San Diego! Aiutooooooooooo. Grazie per essere passati sul blog, buoni nuovi viaggi.

      Reply
  • Elisa
    9 Giugno 2016 at 8:20

    A me succede sopratutto quando arrivo a destinazione e mi innamoro a prima vista di quel posto. In tutti i viaggi che ho fatto ho lasciato un pezzettino di cuore perchè, a dirla tutta, non ho ancora trovato un paese che non provochi in me una sensazione positiva. Però da quando sono tornata da Fuerteventura (più di un anno fa ormai) ho un pensiero fisso per quel viaggio: rivedo le foto e rimango incredula quando penso che sono stata in quelle spiaggie meravigliose e che lì ho fatto surf per la prima volta. Ecco, quando penso a Fuerteventura mi sale una grande nostalgia <3

    Reply
    • I Viaggi di Monique
      9 Giugno 2016 at 8:28

      Hai ragione Elisa, in ogni viaggio lasciamo un pezzettino di cuore. Fuerteventura mi è piaciuta molto, ma niente surf, le onde erano un po’ troppo per me 😉 Ci sono luoghi che mi lasciano piuttosto indifferente, altri invece hanno un richiamo fortissimo! Infatti torno a NY quest’anno, dopo 4 anni la città mi reclama eh eh Buoni nuovi viaggi, grazie per essere passata sul blog.

      Reply
  • Cristina
    2 Ottobre 2018 at 23:42

    Vedo il tuo blog solo ora, a due anni di distanza, ho scritto solo nostalgia e viaggio e mi è apparso il tuo blog che parli di cosa? Della California!! No, dai non ci credo, ho le lacrime agli occhi perché è proprio la California che mi manca da morire. Sei guarita ora? Lo spero perché io ci tornerei anche domani.
    Ciao,
    Cristina
    PS San Diego è meravigliosa!

    Reply
    • I Viaggi di Monique
      9 Ottobre 2018 at 8:50

      Ciao Cristina, bentornata sul blog 😉 Grazie per il tuo messaggio, eh questa California che crea dipendenza! Ho la fortuna di poterci tornare, ma spero di poterla visitare ancora meglio. In quanto alla salute, lasciamo perdere, è il mio tallone d’Achille. A presto! Grazie.

      Reply

Leave a Reply