i Viaggi di Monique

Viaggiatrice per passione, consulente di viaggio per lavoro. Un blog di Monica Sauna.
costa-azzurra-itinerario in auto da Menton a Saint Tropez

Costa Azzurra itinerario da Menton a Saint Tropez (per sentirsi un po’ Brigitte Bardot)

A volte le bellezze da scoprire sono proprio dietro l’angolo. Nel mio caso parlo della Costa Azzurra, a poche ore da dove vivo.

Un luogo spesso un po’ “snobbato” forse perchè non propriamente economico, o forse perchè in molti pensano alla Costa Azzurra come a luoghi di lusso, tutto yatch, auto sportive e sfarzo, ma in realtà ci sono angoli che meritano davvero di essere scoperti.

Anche le cittadine più note della Costa Azzura, come Nizza, Antibes e e la glamour Saint Tropez, hanno qualcosa da raccontare.

Perchè una vacanza in Costa Azzurra?

Innanzi tutto per il clima. La Costa Azzurra vanta circa 300 giorni di sole, e non sono mica pochi.

Io che ci vado spesso confermo che anche in pieno inverno ho trovato giornate deliziose; un novembre inoltrato in maglia di cotone nelle ore più calde, ed una primavera che sa già quasi d’estate.

Ecco allora una mia personale idea di itinerario e consigli per una vacanza in Costa Azzurra:

Giorno 1: l’itinerario inzia con la visita del piccolo centro di Menton, un paesino raccolto proprio al confine con la Liguria. La città non offre molto a livello architettonico, ma se siete allenati e amate camminare, da Menton potete percorrere la “Promenade de Corbusier” un sentiero panoramico che conduce fino a Montecarlo in un tragitto di circa sei chilometri. Per il pernottamento consiglio la gradevole Cap d’Ail, cittadina a picco sul mare che riserva una magnifica vista.

Giorno 2: da Cap d’Ail in un attimo si arriva al Principato di Monaco, che consiglio di visitare non solo per la residenza Reale, ma anche e soprattutto per i suoi giardini esotici.

Si accede ai giardini lungo una passeggiata che porta sino in cima alla collina, oppure tramite gli ascensori gratuiti. Da qui la vista su tutto il golfo di Montecarlo è magnifica. Imperdibile poi una passeggiata tra le strette vie della città vecchia di Monaco.

Uno sguardo fugace a Montecarlo, protagonista del lusso in Costa Azzurra, e poi via verso Nizza, una delle mie cittadine preferite.

montecarlo_costaazzurra_iviaggidimonique

Giorno 3: un itinerario in Costa Azzurra non è completo se non si inserisce un’intera giornata di visita alla città di Nizza. Tra le sue vie caratteristiche, la città vecchia, la sua Promenade des Anglais che permette una piacevole passeggiata lungo mare. E poi il mercato dei fiori, le botteghe artigiane e i numerosi bistrot. Nizza è per me il cuore della Costa Azzurra. Tra eleganti palazzi nei toni pastello, spiccano giardini curati e l’atmosfera che si respira è davvero deliziosa.

Giorno 4: da Nizza si possono fare diverse escursioni. Saint Paul de Vence, piccolo borgo arroccato su una collina, dista da Nizza circa mezz’ora. Vale la pena di spingersi nell’entroterra ed abbandonare il mare solo per un attimo. Saint Paul de Vence racchiude un cuore storico ed artistico favoloso ed è sicuramente una meta molto romantica.

nice_costaazzurra_iviaggidimonique

SainPauldeVence_DiaridiViaggio_iviaggidimonique

Altra escursione a due passi da Nizza è Grasse, cittadina famosa per la fabbrica di profumi. Qui è possibile visitare ogni giorno, gratuitamente, la fabbrica dei profumi nota in tutto il mondo. Un’esperienza sensoriale davvero imperdibile

Giorno 5: e finalmente eccoci al mare. In un itinerario in Costa Azzurra è bene dedicare qualche giorno alla vita di mare, e Antibes o ancora meglio le spiagge di Juan les Pins sono luoghi ideali. Tra mercatini brocante, bistrot, mercati di frutta e verdure tipica, il tempo scorre lento sotto un piacevole sole. Ci si rilassa in spiaggia, e la sera se si è in cerca di un po’ di divertimento, tanti sono i locali notturni a Juan les Pins.

Giorno 6: da Antibes la strada per arrivare a Cannes è breve, anche se forse questa è la città che meno mi attrae. Sotto i riflettori per il famosissimo Festival del cinema di Cannes, io personalmente non le dedico mai troppo tempo. Preferisco i borghi più piccoli e con il tipico allure francese.

antibes_costaazzurra

antibes_mercato_iviaggidimonique

Ecco perchè consiglio di spingersi in questo itinerario in Costa Azzurra sino a Port Grimaud, chiamata la Venezia Francese.

Porto Grimaud è un villaggio di pescatori, un piccolo gioiello da scoprire passeggiando tra le casette colorate o a bordo delle piccole barche che vanno in esplorazione nella baia. Gli indirizzi per dormire non sono molti e tutti piuttosto cari, ma in questa zona ci sono anche ottimi campeggi con bungalow attrezzati.

Giorno 7: ecco perchè in una vacanza in Costa Azzurra è bene portare con sè grandi occhiali da sole ed un cappello di paglia. Per sentirsi un po’ Brigitte Bardot nella sua amata Saint Tropez. Ad una prima occhiata qui può sembrare tutto lusso e niente di più, ma in realtà volgendo lo sguardo oltre al molo dove dimorano gli yatch, vi posso dire che Saint Tropez merita davvero una visita. La città è un groviglio di strette stradine ricche di negozietti, botteghe, boutique e ristorantini.

costaazzurra-sainttropez

Mondana per eccellenza, Saint Tropez, situate tra la Costa Azzurra e la Provenza, fuori stagione si presenta per ciò che è, ovvero un piccolo e tranquillo villaggio di pescatori, che negli anni ha subito il fascino del jet set internazionale eleggendosi ad icona fashion. Per concedersi relax al sole consiglio la spiaggia di Pampelonne a pochi km dalla città, una lunghissima striscia di sabbia bianca e locali più o meno famosi oppure le spiagge di Ramatuelle.

Per me la Costa Azzurra sono le saponette profumate, i fiori, il profumo del mare e la vista della baia dall’alto delle colline. Il ronzio delle cicale, il profumo di pesce e le “moule frites”; le baquette croccanti, le bancarelle d’antiquariato e questa sensazione di lentezza e tranquillità che qui si respira.

antibes_costaazzurra

montecarlo-costaazzurra

Saint Paul de Vence

lanterna saint paul

1 Discussion on “Costa Azzurra itinerario da Menton a Saint Tropez (per sentirsi un po’ Brigitte Bardot)”

Leave A Comment

Your email address will not be published.